UMANITÀ NUOVA

Educazione e cultura

LivingPeace2 ok
«Il Forum della Pace è stata un'esperienza unica. Mi sono goduto ogni momento del programma. Un tale incontro (…) ci fa sperare che giorni migliori stanno arrivando e che un giorno la povertà, la fame, la discriminazione e la guerra vedranno una fine».

Rasha,insegnante d'inglese al Rowad American College, descrive così Living Peace 2015 che si è appena concluso al Cairo, preceduto da tre giorni di congresso ad Alessandria d’Egitto, che si sono rivelati fondamentali per creare una base di conoscenza tra i giovani e gli studenti da tutte le parti del mondo, per assicurare la successiva riuscita del Forum.

Il progetto è stato promosso dalla NGO New Humanity attraverso il Progetto Cayrus, approvato dall’Unione Europea: ad esso hanno aderito altri otto partners da vari Paesi del mondo, che hanno inviato in Egitto una loro rappresentanza di giovani e studenti.

Ad Alessandria d’Egitto si sono così trovati giovani egiziani, palestinesi, giordani, turchi, italiani, portoghesi, tedeschi, argentini, brasiliani, messicani, irlandesi,spagnoli, per vivere alcuni giorni in preparazione del Forum attraverso momenti di scambio, di conoscenza reciproca e di condivisione di gioie e di dolori che ognuno dei partecipanti si è portato dai propri Paesi.

Poi, al Cairo, il 4 Maggio è iniziato il vero e proprio Forum Living Peace-Let’s Bridge, con una calorosa  e suggestiva accoglienza festa sul Nilo, a bordo di una grande nave, con giochi, canti e danze, che hanno poi lasciato lo spazio al vero e proprio Forum Mondiale degli studenti per la Pace si è concluso il 6 Maggio.

Tre giorni durante i quali i rappresentanti di molte scuole ed università nazionali e internazionali, con alcune universita’ del Cairo, hanno testimoniato il comune impegno per la pace intrecciando tra loro diversi linguaggi: testimonianze, buone prassi, presentazione di oltre 50 progetti educativi per la pace, workshops, seminari, esposizioni e momenti artistici.

In attesa di un reportage più completo diamo alcuni numeri: hanno partecipato 1300 tra studenti e professori di più di 20 scuole e 8 università egiziane. Erano presenti ambasciatori e rappresentanti diplomatici di Argentina, Brasile, Uruguay, Guatemala, Cuba, R.D del Congo, Camerun, Pakistan, Portogallo, Croazia, Messico, Germania e Sudan.

Il Forum è stato l’occasione per presentare Scholas Occurrentes, la grande rete mondiale voluta da Papa Francesco ancora quando era arcivescovo di Buenos Aires, e che collega oltre 400.000 scuole in tutto il mondo.

La presenza di Dominicus Rohde della Germania, Presidente del Forum Mondiale della Pace, ha dato peso e valore a ogni momento del Forum. Di certo, essendo stato il "primo" forum mondiale fatto per i giovani, ha aperto le porte a una nuova strada...

 Clicca qui di seguito per vedere il video con le immagini più belle di Living Peace 2015:

Youth World Peace Forum in Cairo, May 4-5-6,2015

(continua...)

Presets
Main Style
Patterns
Accent Color
Apply

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.